Antonello Serrao
A.F.I. - A.F.I.A.P.

Butera (CL) - La Domenica delle Palme 

Le celebrazioni della Settimana Santa a Butera iniziano la Domenica delle Palme con una manifestazione particolare ed unica in tutta la provincia. Dalla chiesa Maria SS. delle Grazie, al termine della messa mattutina, parte la processione con il simulacro del SS. Salvatore che, dal centro abitato, percorre le campagne circostanti. La statua del Cristo è seguita da dodici uomini che impersonano gli Apostoli, tra i quali si distingue Giuda, il cui atteggiamento è volutamente burlesco. Verso mezzogiorno il corteo giunge in un luogo alle porte della città (u Santu Piu), tutto ornato di palme. Viene, quindi, celebrata una particolare “asta”, alla fine della quale il simulacro verrà portato a spalla da chi ha offerto di più. Dopo una breve sosta in piazza il corteo si avvia verso la Chiesa Madre, dove avrà luogo una solenne celebrazione col canto del “Passio”, cioè la passione del Signore. Al termine della messa la statua del SS. Salvatore viene ricondotta alla chiesa Maria SS. delle Grazie.

Antonello Serrao

 

Gangi (PA) - Domenica delle Palme

Gangi, un paesino di 7.000 anime in provincia di Palermo, celebra ogni anno l’inizio della Settimana Santa con la processione della Domenica delle Palme, un rito ormai profondamente radicato nella tradizione popolare religiosa.

Le Confraternite del luogo si riuniscono fin dalle prime ore del mattino nella chiesa della Confraternita di turno (scelta in base ad un antico sorteggio che prevede un rigido ordine ciclico), dove viene effettuata la spartizione (con estrazione a sorte) delle palme e quindi l'allestimento delle Grandi Palme da portare in processione con fiori, rami di datteri e simboli sacri realizzati artigianalmente dalle persone del posto.

Contemporaneamente si assiste alla vestizione dei confrati; alcuni provvedono ad indossare le tipiche tuniche bianche ricoperte da un mantello di colore diverso per ogni singola confraternita, mentre altri indossano il classico "abitino".

I "tamburinara", coloro i quali suoneranno il tamburo durante la processione, indossano le preziose "Rubriche", antichi abiti settecenteschi ricamati a mano con l'utilizzo di oro e argento.

Durante la processione, dietro ogni palma portata a spalla, sfilano i confrati preceduti dai "tamburinara" che annunciano l'arrivo della processione.

Il tragitto per le vie del paese prevede come prima tappa la Chiesa Madre, dove le Palme vengono benedette; successivamente la processione riparte per raggiungere una ad una le altre chiese del Paese per poi concludersi nuovamente nella Chiesa Madre dove, prima della solenne funzione religiosa che suggella la fine della celebrazione, si assiste al suggestivo ingresso delle grandi palme sotto gli archi accompagnate dall’assordante rullare dei tamburi.

Antonello Serrao

Caltanisetta

Marsala

Collesano

Villarosa

Pietraperzia

Trapani

San Fratello